Per offrirti il migliore servizio possibile questo sito utilizza cookies.
Puoi visualizzare, modificare e aggiornare tutte le informazioni riguardanti le tue preferenze anche cliccando il link seguente: Cookie Policy & Privacy Policy

24/12/2019
NEWS

Contributo Scolastico

In merito alla questione del contributo alla scuola si precisa quanto segue:

 

-  le scuole pubbliche non possono chiedere nessun finanziamento “obbligatorio” alle famiglie, come più volte ribadito in ambito normativo e, recentemente, nella Circolare Ministeriale del 13.11.2019 avente ad oggetto Iscrizioni alle scuole dell'infanzia e alle scuole di ogni ordine e grado per l'anno scolastico 2020/2021, punto 2.2 - Contributi volontari e tasse scolastiche. Le scuole pubbliche, d’altra parte, ricevono dallo Stato finanziamenti insufficienti per il funzionamento (il Bassi € 25.049,46 per l’anno scolastico in corso) e nessun finanziamento dalla Provincia, che è proprietaria delle strutture scolastiche;

 

-  con i finanziamenti pubblici una scuola superiore non solo non potrebbe offrire i servizi in atto, ma dovrebbe anche rinunciare all’abbonamento alla rete wifi, alle fotocopie e all’aggiornamento delle attrezzature di laboratorio. Non si potrebbero offrire a studenti nativi digitali pc adeguati, lim, laboratori CAD per i geometri, connessione a internet.

 

-  Una scuola, non potendo chiedere nessun finanziamento “obbligatorio” alle famiglie, quantifica ogni anno una quota che permetta la sopravvivenza di un’offerta formativa coerente con le esigenze formative degli studenti. Questa quota viene richiesta alle famiglie come contributo all’atto delle iscrizioni e, comunque, rimane insufficiente per le necessità della scuola, per cui vengono attivate molte altre forme di finanziamento tramite bandi pubblici nazionali ed europei e sovvenzioni di privati.

 

-  Fornire una cifra minima “obbligatoria” per ciò che di per sé non è “obbligatorio” è una contraddizione in termini, ma, visto che «pecunia non olet», un versamento del 50% della quota richiesta, potrebbe garantire ai propri figli almeno la carta per le fotocopie e per altri piccoli servizi, come badge, libretto assenze e assicurazione.

 

-  Rimane inteso che tutte le iniziative di innovazione e gli investimenti in tecnologia della scuola saranno basati sui contributi effettivamente versati dai genitori. La scuola si riserverà di escludere dalle attività non strettamente connesse con il curriculum scolastico obbligatorio per legge tutti gli studenti che non avranno versato l’intera quota del contributo, necessaria per la progettazione e lo svolgimento di attività di integrazione del curriculum.

 

-  I genitori con più figli possono versare un contributo ridotto di € 90.00 euro per ragazzo.

 

-  Si ricorda infine che le donazioni liberali alle scuole possono essere utilizzate per detrazioni fiscali. La scuola in questo caso rilascia una attestazione di versamento alle famiglie.

 

                                                                                                                                                                                                                                                           Il Dirigente Scolastico
                                                                                                                                                                                                                                                            Francesco Terracina
 

logo istituto bassi, torna alla home

SEDE CENTRALE
Via di Porta Regale, 2 - 26900 LODI

SEDE STACCATA
Via Papa Giovanni XXIII - 26900 LODI

Dati fiscali

Codice Fiscale: 84504980156
Codice IBAN: IT61 K056 9620 3000 0001 1000 X07
Codice Univoco Ufficio: UF57RK
Nome Ufficio: Uff_eFatturaPA
Codice Univoco fattura elettronica per i fornitori (Pdf)